Allattare al seno

Cerca nel sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Allattamento al seno esclusivo per i primi 6 mesi di vita,
secondo le indicazioni dell' O.M.S.
Il latte materno, è la scelta migliore
per l'alimentazione e la salute del neonato.

Se si può scegliere, è meglio il parto naturale e l' allattamento al seno esclusivo, in quanto influiscono anche sullo sviluppo dei batteri intestinali del neonato.
I batteri intestinali hanno un ruolo importante  per la salute,  aiutando a digerire i cibi, stimolando lo sviluppo  del sistema immunitario aumentando le difese contro le infezioni.
Un recente studio canadese mette in evidenza che ai nati con taglio cesareo, anche se allattati al seno manca un gruppo specifico di batteri presenti ai nati da parto naturale.
Inoltre i neonati alimentati con latte materno in maniera esclusiva hanno una flora intestinale diversa dai neonati alimentati con latte artificiale.
Informati suggli altri vantaggi dell'allattamento al seno



I dieci passi UNICEF-OMS per il riconoscimento di
"Ospedale Amico dei Bambini":






Definire un protocollo scritto per l’allattamento al seno da far conoscere a tutto il personale sanitario

Preparare tutto il personale sanitario per attuare compiutamente questo protocollo

Informare tutte le donne in gravidanza dei vantaggi e delle modalità dell’allattamento al seno

Aiutare le madri perché inizino ad allattare già mezz’ora dopo la nascita

Mostrare alle madri come allattare e come continuare a farlo anche nel caso in cui vengano separate dal neonato

Non somministrare al neonato alcun cibo o bevanda che non sia latte materno, a meno che non vi sia una prescrizione medica in senso contrario

Sistemare i neonati nelle stesse stanze delle madri, in modo che trascorrano insieme 24 ore su 24

Incoraggiare l’allattamento a richiesta (senza orari rigidi)

Non dare tettarelle artificiali ai neonati durante il periodo di allattamento.

Creare gruppi di sostegno all’allattamento al seno in modo che le madri possano rivolgersi a loro dopo la dimissione dall’ospedale o dalla clinica




 
Torna ai contenuti | Torna al menu